capriccio.jpg

Chiesa di San Calogero

Stampa
PDF

S. Calogero ha vissuto per un lungo periodo da eremita in Africa, poi ricevette dal pontefice la missione di diffondere la fede cristiana.Da Cartagine giunse a Lipari e successivamente a Sciacca dove trascorse i suoi ultimi 35 anni in una grotta sul Monte Kronio.La grotta è composta da due scavi comunicanti,di cui uno grande e l'altro più piccolo di un metro per due circa,dove riposava il santo.Dopo la morte del santo  questa grotta fu adibita a chiesa.La chiesa eretta nel 500 fu ingrandita nel XVII secolo e in seguito ebbe ulteriori rifacimenti e restaurazioni.La facciata ha la superficie di colore bianco con quattro pilastri di pietra lavica che reggono prima la cornice e poi il cornicione.Sopra il cornicione il prospetto ha una parte superiore dove risiede un finestrone e un orologio.A sinistra si nota il campanile realizzato nel 1923 da A. Sorrentino.L'interno della chiesa e a navata unica con otto altari nei lati e l'altare maggiore.Sugli altari laterali della navata si possono notare interessanti opere come il "Battesimo di Gesù" un dipinto di Padre Marelli;"S. Girolamo" un dipinto di Mariano Rossi;"S. Zasimo che da la comunione a S. Maria Egiziaca" di Gaspare Testone; un crocifisso reliquario del XVII secolo di autore ignoto.Sull'altare maggiore è posta una statua di S. Calogero scolpita intorno al 1535 da Antonello Gagini e dal figlio Giacomo.La volta della navata è stata affrescata da Lo Bello e Vitabile.

Prodotti Tipici

Saccensi

vivisciacca

vivisciacca.com
Sito AMATORIALE di informazione culturale e turistica della città di Sciacca
NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

seguici con i social

seguici con i socialnetwork

contatti

E-mail: info@vivisciacca.com